We are apologize for the inconvenience but you need to download
more modern browser in order to be able to browse our page

Download Safari
Download Safari
Download Chrome
Download Chrome
Download Firefox
Download Firefox
Download IE 10+
Download IE 10+

Evento del 19 gennaio 2018

RISULTATI SOLIDI IN UNA SOCIETA’ LIQUIDA.

Sebastiano Zanolli e  Giacomo Dall’Ava

Le doti per produrli e come svilupparli

In questo libro ci sono 230 punti interrogativi. Quei segni di interpunzione fatti a serpentina che sollecitano una reazione. Le pagine che avete sottomano raccolgono infatti un best of di domande per le quali non esiste la spiegazione a fondo pagina, perché la risposta è differente da individuo a individuo e mutevole nel corso della vita.
È un manuale interattivo, che interroga il lettore scansando le ricette di validità generale (s)vendute da guru di ogni grado e settore. Come la levatrice di Socrate, pone quesiti, suggerisce soluzioni, fornisce elementi di valutazione ma poi lascia liberi di mettere al mondo le proprie doti, i pensieri personali.
Con questo lavoro-concept, Sebastiano sintetizza 25 anni di esperienza nelle aziende e in aula codificando un metodo in grado di fare la grande differenza. Ci sprona e ci guida in un safari dentro noi stessi, toccando cinque cippi miliari: definire il punto d’arrivo, inventare tragitti inusuali, saper deviare in corsa restando fedeli alla meta, illuminare la targa, cioè il personal brand che ci identifica, scegliere compagni di viaggio cooperativi. È un percorso ricco di cartelli segnaletici, da Leopardi a Richard Branson. A ogni fermata intermedia, schede da compilare, una sorta di drive test per tenere la carreggiata – o uscirne deliberatamente. Di fronte a un mondo che ha perso solidità trasformandosi in flusso, le opzioni sono due: lasciarsi trasportare dalla marea o sfruttare le correnti per andare più lontano. Sebastiano, assieme a Giacomo Dall’Ava, apre la seconda busta e ci lancia una pila di salvagenti: l’isolamento creativo, la distruzione prudente, il riordino di pezzi della nostra vita, il riciclo sostenibile delle esperienze, l’utilità di sbagliare (il giusto), l’elogio della fatica come condizione necessaria – sebbene non sufficiente – per avere successo.
Risultati solidi in una società liquida insegna a raggiungere obiettivi tangibili e fornisce gli strumenti con cui “passare dall’intenzione all’azione”. Per provare a diventare il capolavoro che desideriamo, partendo dalla materia prima di cui siamo costituiti. Ne vale la pena? Sì, per tutti coloro che sono concentrati sul realizzare progetti. Ma lascio a voi l’ardua sentenza, questo è il punto interrogativo numero 231.
(testo a cura di Alessandro Zaltron)

Locandina scarica PDF

VENEZIA POST

LO ZIBALTONE ECONOMICO

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.
*